IL Castello dell’imperatore si illumina di viola per la giornata mondiale dedicata alla prematurità. Sabato 18 novembre un pomeriggio di festa per bambini, genitori e nonni

Scritto da Vania Vannucchi, martedì 14 novembre 2017  

 

Prato – La giornata dedicata alla prematurità si celebra il 17 novembre in oltre 60 Paesi del mondo. E’ il World Prematurity Day, che dal 2008 ha l’obiettivo di sensibilizzare sul tema della prematurità e coinvolgere i genitori dei bambini che hanno avuto fretta di nascere e quindi in particolari condizioni di rischio e difficoltà. Nel mondo, un neonato su dieci nasce prematuro. La giornata è sostenuta dalla European Fondation for the care of newborns infants (Fondazione Europea per l’Assistenza dei neonati) insieme ad altre Organizzazioni nazionali.

Il colore che contraddistingue la giornata è il viola ed in molte città italiane il 17 novembre sono illuminati monumenti, edifici e piazze. A Prato, anche per quest’anno, sarà illuminato di viola il Castello dell’Imperatore grazie all’impegno dell’ Assessorato alla cultura del Comune di Prato per testimoniare l’attenzione al fenomeno delle nascite premature. “ Siamo orgogliosi di questa iniziativa, commenta Ilaria Santi, presidente del Consiglio Comunale di Prato, è importante che la nostra città manifesti l’attenzione alla prematurità, questo è il terzo anno ed è nostro auspicio mantenere l’ impegno anche in futuro.”

L’Azienda USL Toscana Centro ha aderito alla giornata mondiale insieme alla Fondazione Ami, all’Associazione Piccino Picciò ed agli operatori di neonatologia e Pediatria dell’Ospedale di Prato proponendo una iniziativa aperta ai cittadini, ai genitori ed ai nonni dei bambini nati prematuri. Ecco il programma di sabato 18 novembre dalle ore 16.00 alle 19.00 nella Sala delle vele – piazza dell’ospedale 5 a Prato: il pomeriggio sarà allietato dalla Big Band di Santa Lucia, da Marvel Cosplay con animazione e travestimenti da super eroi nella magica atmosfera di palloncini colorati e bolle di sapone. Sarà allestito uno spazio per il Truccabimbi e per la dimostrazione, a cura di Ellena Chianucci dell’Associazione Piccoli Passi, di come indossare la fascia porta bebè. Il Caffè Leonardo, il Bar la Scala e Conad di via VII Marzo offriranno una merenda a tutti i partecipanti.

Nei primi dieci mesi di quest’anno all’ospedale Santo Stefano di Prato sono già 157 i bambini prematuri su un totale di 2091 nati. Nel 2016 su un totale di 2495 nati, i bambini prematuri sono stati 210. la Terapia Intensiva del Santo Stefano assiste neonati al di sopra della ventottesima settimana e di peso superiore od uguale a 1000 grammi. I genitori possono accudire e restare con il proprio bambino 24 ore su 24 in modo da facilitare il contatto e la vicinanza durante il periodo del ricovero.