Notizie

Convegno internazionale a Firenze sulla cura dei disturbi alimentari

Scritto da Paola Baroni

Un confronto sui percorsi di cura dei disturbi alimentari e sui modelli d’intervento che metterà insieme realtà italiane e straniere: lo organizzano con la Ausl Toscana centro, domani venerdì 8 e sabato 9 novembre, l’Associazione fiorentina di familiari Conversando onlus e Siridap (Società Italiana di riabilitazione interdisciplinare disturbi alimentari e del peso), con un convegno internazionale dal titolo “Fare centro insieme. La sfida nei percorsi di cura dei disturbi alimentari”, una due giorni con ospiti internazionali che si terrà presso l’Auditorium del CTO di Careggi.

 

La Asl con il Centro per il trattamento dei disturbi alimentari (con sede a Empoli) coordinato dallo psichiatra Stefano Lucarelli, dal 2018 mette a disposizione dei cittadini un servizio sanitario pubblico unitario per chi soffre di disturbi del comportamento alimentare e per le loro famiglie, una struttura che è parte del Dipartimento di salute mentale e dipendenze diretto da Giuliano Casu. Il convegno di venerdì e sabato vuole verificare l’efficacia di modelli organizzativi e di cure sempre più aggiornate, integrate e precoci che rispondano nel miglior modo possibile alle esigenze dei pazienti e dei loro familiari. Per la Asl Toscana centro aprirà il convegno venerdì il direttore sanitario dell’azienda Emanuele Gori insieme all’assessore regionale per il diritto alla salute, Stefania Saccardi e al sindaco di Firenze, Dario Nardella. Nella giornata si affronteranno i temi legati agli interventi d’elezione, ai trattamenti e alle strutture riabilitative.

Sabato 9 novembre spazio al lavoro integrato delle associazioni familiari con il presidente Associazione Conversando, Silverio Spitaleri. Per l’Azienda interverrà la mattina Giuseppe Cardamone, direttore della Salute mentale adulti Prato, si proseguirà con la psicofarmacologia nei disturbi alimentari, con l’analisi dei casi complessi e cronicità, con l’organizzazione del percorso di cura e con gli interventi di Medicina integrativa.

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.